Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

La favorita

Brie, nord est della Francia, primi anni settanta, Costance è una bambina di dieci anni che vive, isolata dal resto del mondo, con i nonni in una fatiscente villa di campagna. La nonna è autoritaria e violenta, il nonno è alcolizzato.

Costance non conosce i suoi genitori, non ha termini di paragone, la sua vita è sempre stata quella: le botte della vecchia, la catatonia del vecchio, le fughe fuori la porta di casa ma dentro le mura che circondano l'edificio, la propria immaginazione che la spinge ad assere un pirata o un detective. 

Ma l'assenza di contatti non dura in eterno, qualcosa sta per spezzarsi, l'uscita dalla caverna in cui è proiettata la realtà della bambina farà riemergere un passato terribile verso un'escalation di violenza psicologica e fisica.

Matthias Lehmann ha un tratto avvolgente e vintage che oscilla tra realismo e caricatura. Alcune tavole sono quasi ottocentesche, flashback o proiezioni sono inquadrati come strips di primo novecento. A me, inoltre, ha fatto venire in mente i classici del fumetto francese, ma anche le strisce di Robert Crumb e alcune tavole di Andrea Pazienza.   

Sembra un romanzo di formazione, invece è un noir. Da leggere preparati alle sensazioni forti.

Pubblicato in Italia da 001edizioni

La favorita
Tag(s) : #fumetti, #recensioni

Condividi post

Repost 0